In offerta!

Barbaresco DOCG 2020 “Prunotto – Antinori”

30,0 

DESCRIZIONE

Barbaresco DOCG 2020 “Prunotto – Antinori”: si presenta di un bel colore rosso leggermente granato, abbastanza intenso. Al naso esprime complessità: sentori di frutti di bosco e spezie danzano in armonia con erbe aromatiche e balsamiche. Il sorso è morbido e vellutato, la finezza è innegabile. Lungo il finale che persiste piacevolmente.

Ottimo non solo con le carni. Una garanzia!

Scorri giù per le descrizione completa! 

INFORMAZIONI TECNICHE

Astuccio: Senza Astuccio
Produttore: Prunotto – Antinori
Nazione: Italia
Tipologia: Vino rosso
Vitigno: Nebbiolo 100%
Denominazione: Barbaresco DOCG
Regione: Piemonte
Zona di Produzione: Alba (CN)
Annata: 2020

Esaurito

Descrizione

DESCRIZIONE DEL VINO ROSSO BARBARESCO DOCG 2020 “PRUNOTTO – ANTINORI”

Barbaresco DOCG 2020 “Prunotto – Antinori”: un chiaro esempio di vino tradizionale e al contempo moderno; un vino dai tratti distintivi che richiama la terra e il bosco, con le tipiche caratteristiche dei vini Piemontesi di Langa. La cantina Prunotto è la prova tangibile del fatto che è possibile unire valori antichi e tecniche innovative creando prodotti dall’ottimo rapporto qualità prezzo in grado di competere con i grandi vini del territorio.

Il Barbaresco di Prunotto nasce nei vigneti dei comuni di Barbaresco, Treiso e Neive, da uve Nebbiolo in purezza che qui esprimono tutta la loro finezza; un vino nobile ma accessibile. Dopo la vendemmia, l’uva selezionata passa alla diraspatura e pigiatura, per poi macerare a una temperatura massima di 30 °C per circa 8 giorni. Dopo la fermentazione alcolica, il vino viene ammorbidito con la fermentazione malolattica, conclusa prima della stagione fredda. Il vino affina in botti di rovere di diversa capacità, col fine di esaltare nel migliore dei modi ogni caratteristica, e riposa per un anno prima di essere messo in bottiglia.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Barbaresco DOCG 2020 “Prunotto – Antinori”: ottimo Barbaresco dal prezzo più che onesto. Al naso si presenta serioso, austero, ma tutt’altro che timido; lasciandolo respirare ci dona suadenti profumi senza peccare di esuberanza: ciliegia lievemente matura, lampone, fragola, liquirizia e un discreto tocco di goudron (per i meno avvezzi, la nota catramata). Il sorso è morbido, dai tannini ben levigati, e la freschezza equilibra parti dure e morbide. Finale lungo dal retrogusto speziato e balsamico. Il Barbaresco si esprime al meglio con piatti a base di selvaggina, come lo stufato di capriolo, le quaglie in tegame, la faraona arrosto o un coniglio particolarmente speziato, ma anche formaggi a pasta dura stagionati come Grana Padano e Parmigiano Reggiano. Secondo la tradizione, il Barbaresco si sposa perfettamente con i piatti a base di tartufo.

Per vedere l’azienda da più vicino clicca qui.