In offerta!

San Giovanni della Sala 2023 “Castello della Sala – Antinori”

16,5 

DESCRIZIONE

San Giovanni della Sala 2023 “Castello della Sala – Antinori”: vino dalle due facce se bevuto freddo o leggermente più a temperatura ambiente. È un vino dotato di una vitalità e di una freschezza che inducono a versare e a riversare senza neppure accorgersene. Giallo paglierino con deboli riflessi dorati, al naso si avvertono profumi di fiori gialli, fiori di acacia e camomilla seguiti da aromi di mela verde e pesca bianca, accompagnati da ottime sensazioni minerali. Al palato ritroviamo le sensazione del naso con una buonissima persistenza.

Si conferma un altissimo esempio di blend complesso che Castello della Sala riesce ad equilibrare e armonizzare rendendolo “comprensibile” anche ai meno esperti.

Scorri giù per le descrizione completa! 

INFORMAZIONI TECNICHE

Astuccio: Senza Astuccio
Produttore: Castello Della Sala – Antinori
Nazione: Italia
Tipologia: Vino Bianco
Vitigno: Grechetto 50%, Procanico 20%, Pinot Bianco 10%, Viognier 20%
Denominazione: Orvieto DOC
Regione: Umbria
Zona di Produzione: Ficulle (TR)
Annata: 2023

Disponibile

Descrizione

DESCRIZIONE DEL VINO BIANCO SAN GIOVANNI DELLA SALA 2023 “CASTELLO DELLA SALA – ANTINORI”

San Giovanni della Sala 2023 “Castello della Sala – Antinori”: nato dai vigneti del Castello della Sala dall’unione delle uve autoctone Grechetto e Procanico con quelle di Pinot Bianco e Viognier per raccontare l’Orvieto Classico secondo un nuovo stile.

Al Castello della Sala troviamo un suolo derivante da sedimenti fossili marini con infiltrazioni d’argilla. Qui il clima asciutto del 2022 ha permesso di ottenere uve di qualità perfettamente sane senza dover intervenire eccessivamente in vigna. La vendemmia del Grechetto, del Viognier e del Pinot Bianco ha avuto inizio verso l’ultima settimana di agosto, mentre il Procanico è stato vendemmiato verso la metà di settembre. Le uve delle diverse varietà sono state vinificate separatamente al fine di far esprimere al meglio ogni caratteristica. Una parte del mosto viene portata a 10 °C a contatto con le bucce per macerare circa 6 ore e viene poi aggiunto al mosto ottenuto dalla delicata pressatura diretta delle uve. Ci spostiamo successivamente in acciaio inox dove la fermentazione alcolica prosegue a una temperatura controllata di 16 °C. Il vino rimane sur lie per alcuni mesi permettendo lo sviluppo di struttura e finezza. Infine, è il momento dell’assemblaggio e del successivo imbottigliamento per la commercializzazione. La prima annata del San Giovanni della Sala nel lontano 1990.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

San Giovanni della Sala 2023 “Castello della Sala – Antinori” rispetta il gusto tradizionale dell’Orvieto Classico Superiore, però con un atteggiamento più innovativo grazie all’utilizzo di varietà internazionali. Alla vista si presenta di colore giallo paglierino con riflessi dorati, mentre al naso è molto intenso, mediamente complesso e fine. Spicca la nota minerale: gesso e pietra focaia accompagnano una nota salmastra; non mancano sensazioni floreali e, scaldandosi, rilascia sentori fruttati, tra cui pera, ananas e pesca bianca. Secco, moderatamente caldo e morbido, fresco e sapido. Da abbinare a cucina di mare: spaghetto con le vongole, pesce gratinato, rana pescatrice al forno con patate.

Per vedere l’azienda da più vicino clicca qui.