In offerta!

Don Chisciotte Fiano 2020 “Pierluigi Zampaglione”

20,0 

DESCRIZIONE

Don Chisciotte Fiano 2020 “Pierluigi Zampaglione”: un’ardua sfida con con l’unico obiettivo di interpretare al meglio il carattere di un territorio estremo e di un incredibile vitigno. Da questa “ardita” sfida nasce il Don Chisciotte, un Fiano con lunghe macerazioni sulle bucce, lieviti indigeni, non filtrato.

Profumi di frutta gialla matura che si accompagnano a note erbacee e balsamiche. Torbido nel bicchiere ma nitido nei sapori al palato. Bella bevuta.

Scorri giù per le descrizione completa! 

INFORMAZIONI TECNICHE 

Astuccio: Senza Astuccio
Produttore: Pierluigi Zampaglione
Nazione: Italia
Tipologia: Vino Bianco
Vitigno: Fiano 100%
Denominazione: Campania IGT
Regione: Campania
Zona di Produzione: Calitri (AV)
Annata: 2020

Esaurito

Descrizione

DESCRIZIONE DEL VINO BIANCO DON CHISCIOTTE FIANO 2020 “PIERLUGI ZAMAPGLIONE”

Don Chisciotte Fiano 2020 “Pierluigi Zampaglione”: puro, valoroso, solitario. Folle ed eroico era Don Chisciotte che vedeva giganti sotto le forme dei mulini. Proprio come il Fiano d’altura, figlio del vento, vinificato a Calitri da Nerina e Pierluigi Zampaglione, grazie ad un’intuizione del nipote Guido, oggi ad Alessandria, con la sua Tenuta Grillo.

Siamo in Campania, Storica azienda cerealicola dell’Alta Irpinia. Dopo la conversione al biologico, intrapresa 20 anni fa, tra le prime in Meridione, e lo sviluppo dell’attività agrituristica, ha investito, con il supporto della nuova generazione, per riportare alla produzione il suo potenziale vitivinicolo.

A circa 800 metri d’altitudine, quello del Tufiello è un paesaggio aspro, di terra scura pronta per la semina del grano, circondato da quelle pale eoliche che in passato rappresentavano una speranza e oggi sono solo impianti selvaggi. E’ esattamente qui che nasce questa vigna giovane ed eroica: tra l’aria del Vulture e quella dei Balcani, è stata piantata vent’anni fa, dopo attenti studi e molto tempo dedicato alla costruzione di un vigneto che sapesse far parte dell’ambiente circostante, acquisendo un valore anche culturale rispetto ai luoghi e al racconto dell’Irpinia del vino.

Un unico vitigno: il Fiano coltivato in alta collina (circa 800 mt) su terreni poveri.  Vino naturale, caratterizzato da una lunga macerazione sulle bucce, per almeno 10 giorni. Passa poi alla fermentazione e all’affinamento in acciaio per 12 mesi a cui seguono circa 8 mesi in bottiglia: «Questo procedimento consente al vino un invecchiamento naturale – spiega Nerina – ci aiuta a proteggerlo e a conservarlo negli anni».

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Don Chisciotte Fiano 2020 “Pierluigi Zampaglione”: 10 giorni sulle bucce si vedono, si sentono e soprattutto non disturbano.

Il colore saturo di frutti come lo è il naso, il paglierino diventa oro zecchino e la frutta diventa matura e carnosa. Vino di una complessità inaudita. Difficile interpretarlo, ci vuole tempo per capire la sua grandezza. Ha tantissimo da dare sia al naso, sia in bocca dove si esprime con grande morbidezza, grande sapidità, grande freschezza. Tanta mineralità e tante erbe mediterranee, un sorso lungo dopo in ingresso fresco e un ampiezza a centro bocca esemplare, gustosa, ricca. Un vino importante spesso trascurato, che quando vuole dimostra l’importanza di una bel vitigno.

Servire ad una temperatura di 12/14° per sprigionare al meglio l’espansività del vino. Bottiglia quotidiana che esprimerà il meglio di sé tra qualche anno. Abbinatelo con primi e secondi piatti di mare.

Per vedere l’azienda da più vicino clicca qui.