STORIA

Il nome del vitigno Merlot deriva proprio l’appetibilità dei suoi acini, particolarmente apprezzati non solo dai nostri palati ma anche..dai merli! Il Merlot, conosciuto anche come Médoc Nir, Picard, Sémillon rouge, fa la prima apparizione in Gironda, splendida terra della Francia sudoccidentale, ma non tarda a diffondersi in tutte le regioni vitivinicole del mondo.

Arriva in Italia, precisamente in Friuli-Venezia Giulia, a fine Ottocento. Grazie alle condizioni favorevoli date dai climi freschi, inizia a diffondersi velocemente in Veneto e Trentino-Alto Adige, per poi prender presto piede anche in Emilia-Romagna e Toscana, fino alla punta dello stivale. 

DIFFUSIONE

In Francia, il Merlot è coltivato principalmente nella regione di Bordeaux, dove è uno dei principali componenti dei vini insieme al Cabernet Sauvignon e al Cabernet Franc. Oltre a Bordeaux, il Merlot è anche coltivato in altre regioni vinicole francesi, come la Valle della Loira, la Valle del Rodano e la Linguadoca. In Italia, il Merlot è coltivato soprattutto nel Nord, in particolare in Friuli-Venezia Giulia e in Veneto.

Negli Stati Uniti, il Merlot è ampiamente coltivato in California, dove è spesso utilizzato in blend con altri vitigni come il Cabernet Sauvignon e il Petit Verdot. In Australia, il Merlot è coltivato soprattutto nel sud del paese, mentre in Cile e in Argentina è coltivato soprattutto nelle regioni centrali e meridionali. In generale, il Merlot è un vitigno molto versatile e adattabile a diverse condizioni climatiche e terreni, il che spiega la sua ampia diffusione in tutto il mondo.

VINO

I vini fatti con il vitigno Merlot possono avere diverse caratteristiche organolettiche a seconda di diversi fattori come il terroir, il clima, le tecniche di vinificazione e la maturità dell’uva. Tuttavia i vini a base Merlot tendono ad avere un colore rosso rubino intenso, che può variare da sfumature più chiare a tonalità più scure, a seconda del livello di estrazione dei tannini. Possono avere una grande varietà di aromi, ma spesso presentano note di frutta rossa matura, come ciliegia, prugna e mora. Possono anche avere note speziate, come pepe nero e cannella, e sfumature di cioccolato o vaniglia, se affinati in legno.

I vini di Merlot sono generalmente morbidi e vellutati in bocca, con tannini delicati e bassa acidità. Possono avere sapori fruttati come quelli dell’aroma, ma anche note di cuoio o tabacco, soprattutto se invecchiati. A seconda del clima e della zona di produzione, i vini di Merlot possono variare dallo stile più leggero e fresco a quello più pieno e robusto. In generale, questi vini sono considerati eleganti e raffinati, con un buon equilibrio tra frutta, tannini e acidità.

Visualizzazione di 1-12 di 29 risultati